Benvenuto nella mia cucina!

PRESENTAZIONE

Ciao mi chiamo Anna e sono di Senigallia.
Sono una persona estremamente disordinata, ma quando cucino divento una maniaca della precisione; ogni ingrediente lo peso al grammo, ogni passaggio lo eseguo come da scaletta ed ho una strana avversione al q.b. salvo che non si tratti di venire incontro ai propri gusti personali.
Con Profumi di Pasticci raccolgo in modo preciso e puntuale tutte le mie ricette, i miei appunti e le mie prove ben riuscite; tutto documentato con foto e con video (purtroppo non sono capace a scattare ....qualche immagine potrebbe risultare non a fuoco...pazienza!!).
Inoltre, mi sono detta, perchè non condividere il mio saper fare con chi ha la mia stessa passione?

Mi piace frequentare corsi professionali per amatori, pertanto un post potrebbe subire, nel corso del tempo, delle piccole modifiche. I post pertanto presentano la data di pubblicazione l'eventuale data di ultima revisione.

Ogni post è suddiviso in 3 parti:
Ingredienti: ci sono anche delle indicazioni sul prodotto che uso
Procedimento: a volte per la stessa ricetta riporto più di una lavorazione a seconda, soprattutto, delle proprie esigenze di tempo
Consigli: ci sono tutti i miei trucchi e tutti i miei appunti dei corsi.

Ho un obiettivo preciso che è quello di migliorare di giorno in giorno Profumi di Pasticci, pertanto Caro Visitatore, ti chiedo di aiutarmi con qualche idea, spunto, critica nella sezione dedicata ai Commenti in fondo ad ogni post.

Grazie della visita.
Anna





domenica 24 novembre 2013

Pane casereccio con biga (Alberghiero Panzini)

Data di pubblicazione: 24/11/2013 
Data revisione: 09/04/2015
Data revisione: 24/04/2015

Pane casereccio con biga

Corso di Panificazione 2012 presso Scuola Alberghiera A. Panzini Senigallia. 
Docente: Andrea Galavotti della scuola di Piergiorgio Giorilli

INGREDIENTI

dose per 2 filoni da 850 gr dopo la cottura

Ingredienti per la biga
500 gr di farina w 300 (io ho usato la manitoba della Spadoni)
220 gr. di acqua
5 gr di lievito di birra


Ingredienti per l'impasto
725 gr. biga a giusta maturazione (18 ore)
805 gr. farina w180 
8 gr. malto
6,5 gr. lievito di birra
470 gr. di acqua
15 gr. di sale
80 gr. di farro spezzato

Ingredienti per la formatura
Farina rimacinata di grano duro

TEMPI DI PREPARAZIONE

Si inizia 24 ore prima di infornare.

E' consigliata la pietra refrattaria

PROCEDIMENTO

Procedimento per la biga
Lavorazione con la planetaria
Miscelare il lievito alla farina, aggiungere una metà dell'acqua e avviare la macchina con la foglia. Appena assorbita aggiungere l'altra metà lavorando fintanto che sul fondo della ciotola non ci sono residui di farina. 

biga

La temperatura finale dell'impasto dovrà aggirarsi intorno ai 18/19°, mentre, al cuore della massa, non deve superare i 19/20°.
Versare la biga in un contenitore di forma tronco conica leggermente unto d'olio e coprire la superficie con un canovaccio umido. La quantità di biga non deve superare il 25% della capacità massima del contenitore.
Fare fermentare per 15/18 ore ad una temperatura esterna intorno i 18/20°.
Per bighe fino a 48 ore di fermentazione, la temperatura iniziale deve essere di 4°, mentre le ultime 24 ore richiedono una temperatura di 18°.
Avvenuta la maturazione, la biga si presenta lievemente acida con un modesto aumento di volume. Dovrà avere una struttura leggermente elastica, stirando, infatti, un pezzetto dovrà essere in grado di porre una delicata resistenza prima della sua rottura.

Lavorazione a mano, con fruste a spirale, con la macchina del pane e con il robot da cucina
In tutti i casi, bisogna seguire i passaggi di cui sopra.
Con la lavorazione a mano: miscelare il lievito alla farina, aggiungere una metà dell'acqua e lavorare rapidamente, non appena è stata assorbita aggiungere l'altra e lavorare fino a compattare gli ingredienti.
Con la macchina del pane: usare la funzione impasto avendo cura di fermare la macchina non appena gli ingredienti si sono compattati.
Con il robot da cucina: si impasta con il gancio di plastica.

Procedimento per limpasto
Lavorazione con la planetaria
Tenere da parte un cucchiaio di farina.
Sciogliere il lievito e il malto nell'acqua, disporre la farina nella ciotola dell'impastatrice e avviare la macchina a velocità 1 con la foglia (k). Aggiungere l'acqua facendola cadere a filo lungo i bordi della ciotola. Quando si forma l'impasto, aggiungere la biga spezzettata e quando si è amalgata, inserire il sale seguito subito dal cucchiaio di farina, lasciato da parte.
Quando l'impasto è incordato,

Impasto incordato di profumi di pasticci

sostituire la foglia con il gancio e dopo qualche minuto aumentare la velocità a 1,5. Impastare circa 10 min. e comunque fino ad ottenere una massa morbida, compatta, liscia e fresca. 


primo impasto filone casareccio (profumi di pasticci)

L'impasto finito deve fare il velo cioè estendendo delicatamente un pezzetto in tutte le direzioni diventa semitrasparente senza rompersi.
Aggiungere il farro spezzato e impastarlo ancora per qualche minuto.


imoasto filone casereccio (profumi di pasticci)

Versare l'impasto in un contenitore unto e di adeguate dimensioni; coprire con un panno umido.
Far lievitare fino il raddoppio.
Staccare dall'impasto dei pezzi di pasta delle dimensioni desiderate, fare le pieghe di tipo 2 del Maestro Adriano e preformarle a palla stretta. Lasciarle rilassare per 10 minuti.preformarle a palla stretta e lasciarle rilassare per 10 minuti.


preforma filone casereccio (profumi di pasticci)

Formare il filone, ricordando che se i pollici lavorano verso l'interno si ottiene un pane panciuto.


formatura filone casereccio (profumi di pasticci)

Rotolare il filone nella farina rimacinata di grano duro e lasciarlo su un panno infarinato o su carta forno infarinata con la saldatura rivolta verso l'alto.


filone con apertura verso l'alto (profumi di pasticci)

Coprire con un panno di stoffa e un telo di plastica.
A 2/3 di lievitazione capovolgere i filoni


filone casereccio quasi lievitato (profumi di pasticci)

 e completare la lievitazione senza coprirli.
Prima di infornare, incide la superficie dei filoni con una lametta da barba o un coltellino molto affilato.


filone casereccio inciso (profumi di pasticci)

Infornare a 200° direttamente sulla pietra refrattaria riscaldata direttamente con il forno.


filoni caserecci con biga (profumi di pasticci)

Lavorazione a mano, con fruste a spirale, con la macchina del pane e con il robot da cucina
In tutti i casi, bisogna seguire i passaggi di cui sopra.
Con la lavorazione a mano, fare una fontana con la farina, amalgamare al centro tutti gli ingredienti, e lavorare battendo energicamente per 10-12 minuti, fino ad amalgamare completamente i due impasti.
Con la macchina del pane si può utilizzare la funzione "impasto"
Con il robot da cucina si impasta con il gancio di plastica.


CONSIGLI

  • Quando si lavora con la planetaria aver cura prima di staccare più volte l'impasto dalla foglia (K) e poi dal gancio ad uncino e poi di ribaltarlo spesso nella vasca in modo che la lavorazione risulti omogenea. 
  • In alternativa alla pietra refrattaria si può usare una tavoletta di gres di 1 cm di spessore (si vende nei negozi di edilizia)
  • In alternativa alla pietra refrattaria si può usare il testo in ghisa, fatto arroventare sul fuoco e messo poi in forno
  • Servirsi delle guide telescopiche per utilizzare al meglio la pietra refrattaria
  • Per la farina con w 300 rivolgersi al mulino della propria città o dal fornaio di fiducia
  • L'acqua deve essere fredda
  • Per la biga, se i tempi di fermentazione oltrepassano le 24 ore aumentare il w della farina
  • In estate usare acqua con ghiaccio
  • Per la biga, in estate la % di lievito compresso viene ridotta dello 0,7/0,8% e la % di acqua può diminuita al 41/42%. 
  • Per la biga, in estate  si può aggiungere lo 0,5% di sale per frenare la fermentazione
  • Per la biga, in inverno la % d'acqua può essere aumentata fino al 50%
  • La biga va sempre tagliata con il coltello 
  • Aggiungere il farro spezzato alla fine dell'impasto per evitare di rompere la maglia glutinica
  • Per fa lievitare l'impasto usare un contenitore di forma tronco-conica




6 commenti:

  1. Ma ciao tesoro... non sono mai al pc e spero di poter tornare presto anche io.. però non potevo perdermi questo pane meraviglioso!! Non ci sono più segreti per te, sforni prelibatezze una dietro l'altra e ti faccio i miei sinceri complimenti! <3 <3 TVB un abbraccio e a presto, con affetto <3

    RispondiElimina
  2. Hai proprio ragione!!! Sono veramente una coppia vincente! :)
    Buona domenica anche a te!

    RispondiElimina
  3. Ciao Anna, come stai? Da quanto tempo non passo da te, troppo... spero tu mi possa perdonare... purtroppo non riesco a seguire tutto come vorrei ma sei nei miei pensieri, ti ho pensata spesso <3 Che meraviglia questo pane, sei sempre bravissima! Un abbraccio forte forte e buona settimana :**

    RispondiElimina
  4. Fantastico panificare in casa!!!

    RispondiElimina
  5. Buongiorno Anna!

    Abbiamo visto che hai tantissime ricette deliziose! Vogliamo presentarti il sito Ricercadiricette.it, una comunità dove i foodblogger possono condividere insieme tutte le loro ricette, gli utenti sicuramente si gusteranno il tuo blog!
    Abbiamo anche creato il Top blogs di ricette, dove puoi trovare tutti i blog che ci sono già aggiunti, ed anche aggiungere il tuo blog all’elenco! E tutto su Ricercadiricette.it è gratuito!

    Restiamo a tua disposizione!
    Andreu
    Ricercadiricette.it

    RispondiElimina
  6. Sono contenta che sii tornata sul blog. Saluti dal Belgio!

    RispondiElimina